Borghi di periferia tra realtà e poesia

Seremailragno.com

2



Abito in questi borghi di periferia dove la velocità dell’adsl è più lenta della velocità con cui corrono i cazzi degli altri…dove “lo sai ja misto le corne” è piu’ rapido dell’apertura di una pagina web su internet explorer…dove la leggenda metropolitana dell’idraulico che si “inzifona” la moglie è divenuta realtà e ora ha più figli che tubi,dove è sorto il regno dei testimoni di Geova che ogni tanto ti suonano al citofono perchè vogliono parlarti della fine del mondo che tarda ad arrivare e quando non sono loro è Mustafà che ti vuole appioppare merce di dubbia provenienza,dove si avvera una sorta di controsenso ossia i cinesi lavorano di notte come i neri e si moltiplicano come i pesci,peccato che i pesci li distingui e i cinesi no.In questi borghi di periferia dove le “mardicenze” si diffondono come la peste nel lazzaretto,dove ti etichettano il bubbone prima che tu…

View original post 172 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...